VEN, 17 SETTEMBRE 2021

Tortura verso i disabili, orrore a Licata: tre le persone arrestate

Orrore a Licata, il blitz dei Carabinieri (scorri per leggere il resto)
Tortura verso i disabili, orrore a Licata: tre le persone arrestate

Tortura e sequestro di persona. Queste le accuse più gravi ipotizzate nei confronti di tre uomini licatesi considerati responsabili di minacce, violenze e sevizie sadiche ai danni di malcapitati.

I fatti si sono svolti a Licata e sono stati ripresi con i cellulari in alcuni video che condivisi su diverse piattaforme di social network hanno consentito ai Carabinieri della locale Compagnia di avviare le indagini attribuendo precise e puntuali responsabilità ai singoli appartenenti al “branco” che si divertiva a colpire e vessare soggetti deboli e di minorata difesa.

Come emerge anche dai video, si denota una cattiveria ingiustificata ed una cultura senza dubbio sbagliata di considerare l’altro meno forte, uno scarto da colpire e da ridicolizzare fino al punto di divenire oggetto di comportamenti disumani e degradanti al solo fine di ottenere qualche like in più. I provvedimenti di fermo, decisi dalla procura di Agrigento, sono stati eseguiti nella notte e sono stati accompagnati da diverse perquisizioni finalizzate a proseguire le indagini per risalire all’identificazione dell’intero gruppo e all’acquisizione di ulteriori elementi probatori.

I militari operanti hanno appurato che una delle vittime in pieno giorno ed in pieno centro è stato deriso, legato, tipo “imballaggio”, con del nastro adesivo e lasciato sul marciapiedi nell’indifferenza collettiva.

Le vittime, peraltro, puntualmente venivano minacciate a rimanere in silenzio e a non rivolgersi alle Forze dell’Ordine.
I tre uomini, A.C. classe 1994, G.S. classe 1997 e A.M.S. classe 1984, sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Agrigento dove rimarranno a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.