GIO, 06 OTTOBRE 2022

Tragedia Ravanusa, ricerche a oltranza nell’area del disastro

L'area continuerà ad essere interessata dalla ricerche (scorri per leggere il resto)
Tragedia Ravanusa, ricerche a oltranza nell’area del disastro

Ricerche a oltranza e uomini delle Forze dell’Ordine e volontari a lavoro anche di notte. A Ravanusa si continua incessantemente a ispezionare l’intera area coinvolta dall’esplosione – provocata probabilmente da una fuga di gas – che sabato sera ha causato il crollo di alcuni edifici.

Sei, al momento, i dispersi; fra questi anche una giovane donna incinta al nono mese e il marito. Finora sono tre i morti accertati (due donne e un uomo ndr) che sono stati estratti dalle macerie nella notte fra sabato e domenica. Due, invece, i sopravvissuti. Un bilancio pesante che ha visto distruggere un intero isolato. Scene da guerra con la Procura della Repubblica di Agrigento che ora indaga per disastro e omicidio colposo.

Siamo spinti dalla speranza di trovare i nostri sei concittadini ancora vivi. Abbiamo dalla nostra parte tutto il Paese e sono in campo le migliori risorse umane e tecnologiche. La speranza non si spegne“. Queste le parole di ieri del sindaco di Ravanusa, Carmelo D’Angelo, nella speranza di trovare vivi i sei dispersi.

Tre le vittime: Pietro Carmina, 68 anni, docente di storia e filosofia dell’istituto Foscolo di Canicattì; Maria Crescenza Zagarrio, 69 anni e Calogera Gioachina Minacori, 59 anni.

Subito dopo l’esplosione a Ravanusa si è mobilitata la macchina dei soccorsi. Da tutta Italia sono arrivati volontari e uomini delle Forze dell’Ordine che ora stanno continuando a scavare per trovare varchi accessibili utili a localizzare i sei dispersi.

La ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, è in costante “contatto con i vertici del Dipartimento dei vigili del fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa Civile per seguire le ricerche dei dispersi”. “Il nostro sistema si è mobilitato sin dai momenti iniziali che sono quelli più difficili”, ha detto il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio.

Anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha espresso vicinanza e solidarietà totale alla comunità ravanusana.

Il Sindaco D’Angelo – nel ringraziare le manifestazioni di vicinanza e l’intervento sinergico da parte dei soccorritori –  ha ribadito che “l’attenzione per questa gente deve restare massima, anche dopo questi momenti: queste persone hanno perso tutto e meritano tutta l’attenzione possibile, di non essere lasciate sole“.

Intanto si continua a cercare senza sosta con l’ausilio delle squadre cinofile e USAR (Urban Search and Rescue) dei Vigili del Fuoco. Presso la scuola elementare limitrofa all’area delle ricerche è stato attivato un punto di ascolto con psicologi dell’Asp di Agrigento a cui possono rivolgersi i familiari dei dispersi e gli abitanti dell’area interessata sgomberati a seguito del crollo.

Redazione

InfoAgrigento WebGiornale è una testata giornalistica nata del 2008, con ambito di interesse geografico legato alla provincia di Agrigento ed al contesto dell'informazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.