GIO, 14 DICEMBRE 2017

Mauro Indelicato, Autore a infoAgrigento.it

image

Matteo Renzi ad Agrigento visita la ‘stanza della memoria’

L’ex presidente del consiglio ed attuale segretario del PD, accompagnato dal Ministro della Giustizia e dal Sindaco di Agrigento, ha visitato la stanza utilizzata da Rosario Livatino durante gli anni in cui il magistrato operava al Tribunale di Agrigento. Una visita lampo quella di Renzi nella città dei templi, a distanza di più di un anno dall’ultima in cui però era nelle vesti di capo del governo.

image

Ferrovia Palermo – Agrigento: ultimi lavori prima dell’apertura del nuovo tratto in variante

Dopo il via libera anche della Prefettura di Palermo, la nuova variante lungo la linea ferroviaria Agrigento – Palermo già domenica dovrebbe essere aperta ai convogli che collegano le due città; si tratta del più importante intervento operato sulla linea, il quale consentirà anche il risparmio di alcuni minuti ed un miglioramento della sicurezza. La nuova galleria è lunga 2.8 km e permetterà l’eliminazione del vecchio tratto tra Castronovo e Roccapalumba.

image

Rischio dissesto, differenziata e PRG: intervista a Nuccia Palermo

In questi giorni ad Agrigento a far discutere sono principalmente due questioni: il paventato rischio di dissesto finanziario e l’avvio della raccolta ‘porta a porta’ in diversi quartieri della città. Molta la confusione, al pari di una maggiore richiesta di chiarezza da parte di tanti cittadini: per tal motivo abbiamo deciso di intervistare alcuni diretti interessati, a partire dal consigliere comunale Nuccia Palermo, con la quale si è parlato anche dal ‘caos’ inerente le mancate prescrizioni del PRG.

image

Viadotto Petrusa: a gennaio la gara d’appalto per i lavori

Nei giorni scorsi, da un comunicato della deputata Maria Iacono, è emerso come l’ANAS sta procedendo alla definizione della gara d’appalto per la ricostruzione del viadotto tra Agrigento e Favara: la sua chiusura sta comportando numerosi disagi, da tempo si chiedono interventi celeri per la riapertura. Anche se l’iter va avanti, serviranno ancora mesi per vedere l’opera nuovamente fruibile