MAR, 05 LUGLIO 2022

fallimento Archivi - infoAgrigento.it

image

Benvenuti nell’ultima città d’Italia: la salvezza sta nel dissesto finanziario

Ultimi, penultimi o terz’ultimi poco conta. Agrigento è una città ormai in ginocchio. E mentre c’è chi, nonostante tutto e tutti, continua ad infischiarsene, pur ricoprendo importanti incarichi amministrativi, la città precipita nel baratro. Prepariamoci all’ennesimo Natale austero, un capodanno senza feste in piazza (che celebrano ovunque, pure nei villaggi con le capanne di fango), a nuovi, dolorosi, addii di amici e parenti e tanto altro ancora. Se la provincia

image

NUOVO GRIDO DI ALLARME DELLA CNA: “LE IMPRESE AGRIGENTINE STANNO MORENDO”

“L’Italia è nel baratro e la Sicilia affonda. Siamo in piena emergenza e la politica, sia a Roma che a Palermo, cosa fa? Litiga, si agita, si scontra sul nulla”. Dura la presa di posizione del presidente e del segretario provinciale della Cna di Agrigento, Mimmo Randisi e Piero Giglione, preoccupati per il futuro degli artigiani e delle piccole e medie imprese che operano nel territorio. “In questi giorni abbiamo

image

SS 640: esposto dell’ANCE Sicilia alla Procura per i ritardi sui lavori

L’Ance Sicilia esprime solidarietà ai lavoratori, ai tecnici e agli imprenditori che, in rappresentanza delle decine di aziende e delle migliaia di dipendenti impegnati nei cantieri del raddoppio della Ss 640 Caltanissetta-Agrigento, domani mattina, a partire dalle ore 10, protesteranno davanti alla sede regionale dell’Anas, in via De Gasperi, 247, a Palermo. Lavori inspiegabilmente fermi da un anno, opere già realizzate esposte all’incuria e al degrado, ritardi nei pagamenti dovuti

image

La crisi economica ed il fallimento degli istituti bancari: i salvataggi del passato

In un periodo di gravi scandali bancari internazionali ed adesso anche italiani, come quello inerente il caso Monte dei Paschi di Siena, ecco un sunto storico della riorganizzazione bancaria italiana del passato. L’Italia dopo la fine del governo di Crispi si ritrovò ad affrontare un periodo di grande disordine e difficoltà; infatti in Italia accanto alla crisi politica si verificò, anche una grande crisi economica. Infatti dopo la sconfitta ad

image

Akragas: il “giallo” continua

Bocce cucite e non trapela nessuna indiscrezione circa il nuovo consiglio direttivo dell’associazione sportiva dilettantistica Akragas. Ieri sera ha avuto luogo l’incontro tra le due parti in causa ma, sugli esiti di tale riunione, nessuna conferma nonostante qualche abboccamento; la vice presidenza dovrebbe essere appannaggio della famiglia Sferrazza. Da individuare il nuovo segretario anche se in queste ore si sta muovendo, grazie alla specifica competenza, Umberto Galvano; resta da coprire

image

Akragas, agonia interminabile

Ancora nessuna novità in casa Akragas con una lenta ed inevitabile agonia che presuppone una ingloriosa fine. Non vi sono segnali e la temuta cancellazione dai ruoli federali è accettata passivamente; a scoraggiare eventuale passaggio societario è l’articolato debito pregresso che forse imputabile solo al presidente del momento mette fuori porta chiunque sia interessato. I pochi che sino ad oggi hanno cercato una soluzione sono rimasti spiazzati anche perché i

image

“Buio pesto” in casa Akragas

Nessuna novità in casa Akragas a meno di un mese dalla prima scadenza quella relativa all’iscrizione al campionato di Eccellenza. Dopo l’incontro con il sindaco Zambuto, e in quella occasione si è avuta notizia di una richiesta, da parte dell’attuale gruppo, di centomila euro per il passaggio o il subentro societario, si è in attesa di conoscere le prossime mosse; a dire il vero è assai probabile un “raffreddamento”della trattativa

image

Akragas, la richiesta di Sferrazza: “100mila euro e cedo il titolo”

La richiesta del gruppo Sferrazza, per il trasferimento della gestione dell’Akragas, è di cento mila euro. Una cifra che è ben lontana dall’offerta proposta dal gruppo di imprenditori agrigentini e che ha spiazzato tutti per il fatto che la società biancoazzurri, a parte qualche juniores, non ha un parco giocatori di proprietà; detta somma va aggiunta alle poste relative alla gestione del nuovo campionato e al tesseramento dei calciatori con