GIO, 06 OTTOBRE 2022

magistrato Archivi - infoAgrigento.it

image

“La voce di Impastato: un inno a chi ama la bellezza e la legalità”

29 agosto 2013, Casa Memoria di Felicia Bartolotta e Peppino Impastato aprirà i battenti per l’anteprima nazionale del film documentario “La Voce di Impastato”. La proiezione avverrà al Residence “Ciuri di Campu” -bene confiscato alla mafia e gestito dalla Coop. Va Soc. “Libera-mente” di Marina di Cinisi – luogo appositamente scelto per rivendicare la legalità custodita da Peppino nelle sue battaglie. Tra i relatori, oltre al documentarista friulano Ivan Vadori,

image

Licata: ragazza ventenne muore dopo intervento chirurgico

La Procura della Repubblica di Palermo, ha aperto un’inchiesta sulla morte di una giovane licatese di appena 20 anni;  la giovane, qualche settimana fa era stata sottoposta ad un intervento chirurgico in una clinica palermitana e, successivamente al decesso, i genitori hanno presentato una denuncia presso il Tribunale del capoluogo siciliano. La giovane licatese, dopo l’intervento, era stata dimessa, avendo effettuato presso la clinica in questione un breve periodo di

image

Un’altra morte bianca in provincia di Agrigento

Un’altra morte bianca in provincia di Agrigento; dopo la morte di Michele Cardinale nella cava di Villafranca Sicula, un altro operaio  è morto a Caltabellotta a causa di un grave incidente sul lavoro. La vittima si chiamava  Michele Petruccio, 21 anni, ed era nativo di Menfi. Per cause in corso di  accertamento, l’uomo è precipitato da una pala eolica sulla quale stava  effettuando dei lavori di manutenzione. Il grave fatto

image

Palermo: protesta contro il comizio politico in Via D’Amelio

Una protesta simile era scaturita anche ad Agrigento da un evento che prevedeva la presentazione del libro di Bruno Contrada, ex poliziotto ritenuto colpevole di aver trattato con Cosa Nostra e condannato a 10 anni, in un luogo considerato inappropriato ovvero una sala del Polo Universitario dedicata a Luca Crescente, magistrato antimafia deceduto a soli 39 anni. Questa volta però cambia il contesto, cambiano i luoghi ma il messaggio è

image

L’assassinio Saetta




saetta_antonino.jpg"Antonino Saetta era un magistrato schivo e riservato, per
indole e per scelta di vita. Un giudice che, come tanti, ma non come tutti,
aveva fatto carriera lontano dai centri di potere, palesi od occulti." (Roberto
Saetta)